Aziende
logo

TIROCINIO CURRICULARE O EXTRA-CURRICULARE?

Il tirocinio si chiama CURRICULARE quando fa acquisire ad uno STUDENTE un preciso numero di CFU previsti dal proprio piano di studi.

Il tirocinio EXTRA-CURRICULARE è rivolto a tutti i LAUREATI, i quali possono farne richiesta entro e non oltre i 12 mesi dal conseguimento della laurea; è finalizzato ad agevolare le scelte professionali e l’occupabilità dei giovani nella transizione scuola-lavoro.

Le regole da rispettare per l’attivazione di un tirocinio sono diverse a seconda che si tratti di un tirocinio curriculare o di un tirocinio extra-curriculare.
Per maggiori informazioni leggi qui: TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRACURRICULARE A CONFRONTO.

Presso l’Università degli Studi di Bari i tirocini curriculari sono attivati dai singoli Dipartimenti di Studio, mentre i tirocini extracurriculari sono attivati dalla Agenzia per il Placement, tramite l’utilizzo della piattaforma Portiamo Valore.

IN QUANTO TEMPO SI ATTIVA IL TIROCINIO?

L’Agenzia per il Placement attiva tirocini extra-curriculari in media tra i 10 e i 20 giorni lavorativi.

COME ATTIVARE IL TIROCINIO?

Ogni tirocinio per legge deve essere attivato sulla base di due accordi scritti: la Convenzione di tirocinio e il Progetto formativo.

La tua azienda si registrerà alla piattaforma PORTIAMO VALORE, e tra le proprie funzionalità avrà la possibilità di creare una convenzione con l’Università degli Studi di Bari.

Una volta stipulata la convenzione, l'azienda dovrà compilare il Progetto formativo. L'inserimento dei dati del Progetto formativo avviene online; a fine compilazione sarà generato un documento (formato pdf) che dovrà essere stampato, firmato e consegnato in originale all’Agenzia per il Placement.

QUALI COPERTURE ASSICURATIVE TUTELANO IL TIROCINIO?

Lo stagista è coperto da polizza assicurativa per Infortunio e per Responsabilità civile verso terzi stanziata dall’Università degli Studi di Bari, a patto che l'esperienza sia svolta in orari e luoghi dichiarati nel Progetto formativo. In caso di trasferte o sede di effettuazione fuori dall’Italia per tirocini extracurriculari, la copertura per infortuni non è attiva.

QUALI OBBLIGHI HA L'AZIENDA VERSO IL TIROCINIO?

Il tirocinio non è un contratto di lavoro, ma un’attività di formazione sul campo e, come tale, prevede la presenza di un tutor aziendale in costante affiancamento al tirocinante, al quale l’azienda deve garantire la formazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, e una postazione adeguata e attrezzata.  

Solo per l'attivazione di tirocini extracurriculari (laureati) in Italia l'azienda deve erogare al tirocinante un'indennità mensile minima obbligatoria di importo variabile a seconda della regione di effettuazione del tirocinio.

COSA FARE AL TERMINE DEL TIROCINIO?

Al termine del tirocinio extra-curriculare è richiesta la compilazione di documentazione finale; allo scadere del tirocinio, il tirocinante e il tutor aziendale compileranno online un questionario di valutazione dell'esperienza. Al tirocinante l’Agenzia per il Placement rilascerà un’attestazione finale di avvenuto svolgimento del tirocinio, da inserire nel proprio curriculum vitae.

Per altre informazioni i nostri contatti sono i seguenti: